Sinalweb

  •  

     

     

    Who's Online

  • Private Area

Localizzazione PDF Stampa E-mail

Localizzare il sito web

 

Nel caso di un'azione di promozione all'estero è molto importante "parlare la stessa lingua" del nostro potenziale utente anche perchè essendo proveniente da una ricerca sui motori esso è  mosso da desiderio d'informazione specifico, dopo aver "fatto click" ha la necessità di essere finalmente "arrivato nel posto giusto" altrimenti continuerà la ricerca presso altri siti .

Realizzare versioni in lingua del 'intero sito web oppure versioni ridotte di una o più pagine di atterraggio (landing pages) è essenziale per fornire una risposta immediata al desiderio di informazioni può incrementare notevolmente il tasso di successo della campagna.

Oltre alla semplice traduzione del testo del sito è necessario:

  • adattare i  contenuti  al sistema linguistico e culturale del paese di destinazione

  • il tono della comunicazione deve essere adeguato agli standard tecnici, ai requisiti stilistici, alle aspettative ed alle richieste del mercato di destinazione;

  • adattare le componenti grafiche

Le grandi comunità linguistiche

Fino al 2004 c’era un solo paese nel mondo con più di venti milioni di host internet (Stati Uniti d’America).

Oggi sono sei considerando  la comunità di lingua spagnola e la comunità etnica cinese

Nell’area di cultura cinese Taiwan, da sola, aveva superato già nel 2000 il milione di host internet e nel 2002 i due milioni. Ora ne ha più di cinque.
Nell’area di lingua spagnola oltre il milione c’è la Spagna dal 2001 – dal 2002 anche il Messico, dal 2004 l’Argentina e dal 2007 la Colombia. Nel 2007 il Messico ha superato i dieci milioni.
Nell’America Latina il Brasile ha superato il milione di host nel 2001, due nel 2002, tre nel 2003, cinque nel 2005 e dieci nel 2007 – se, per analogia con le altre “aree linguistiche”, sommiamo Brasile e Portogallo (più alcuni paesi con un minor numero di host) l’area portoghese si avvicina a dodici milioni.

L’area spagnola comprende 500 milioni di persone (di cui più di nove decimi nel continente americano). Non parlano lingue “identiche” (ci sono molte varianti dello spagnolo) ma si capiscono fra loro e condividono cultura e conoscenze. Questa è, dopo l’inglese, la più grande comunità linguistica del mondo “occidentale” (sono circa 100 milioni le persone nel mondo che parlano il tedesco, il francese o l’italiano; più di 200 milioni il portoghese).

La comunità cinese è molto più numerosa. Più di un miliardo e trecento milioni di persone, separate da confini politici (e anche da differenze etniche) ma unite da una comune cultura (non dalla stessa lingua “parlata”, perché ci sono sedici diverse lingue cinesi – ma tutte condividono lo stesso alfabeto “ideografico”). Un cambiamento recente riguarda la Cina. Come vedremo più avanti, la situazione appare diversa nel 2007 da come era stata in tutti i periodi precedenti.